25 Septiembre 2019

5 Consigli per la Scelta del Cartone da Imballaggio

Body: 

Maybe you already know everything about primary packaging. Our five little tips will help you better navigate the world of packaging cardboard as well, to make an informed choice that will also prove satisfactory.

Ready? Let's get started.

 

1) LOOK AT PRIMARY AND SECONDARY PACKAGING AS A WHOLE

Often people invest a lot in researching the best primary packaging solution for a product, underestimating the importance and the function of end-of-line packaging.

Focusing on protecting the product is quite legitimate; however, packs should have a proper protection too.

Similarly, investing in the graphics of the packaging is fine, but if the cartons used for distribution and shelf exposure are not as refined, or, even worse, clash with the primary packaging and the product itself, the risk is a counterproductive effect in terms of image.

In other words, choosing the right packaging carton can make the difference when it comes to marketing, reputation and sales!

 

2) STAND OUT WITH PAPER

Standard packaging or brown Kraft cardboards are definitely the most common choice if you only need to distribute products not requiring shelf exposure.

The colour and roughness of the paper limit decorative scope, only enabling black prints with simple graphics.

On the contrary, bleached boards lend themselves to endless aesthetic customisations, with colour prints and complex graphics. Packaging aesthetics can be integrated into primary packaging or "play" with colour contrasts or carton design, providing, if desired, further messages and information.

For obvious reasons, this is the most common choice for trays and packages that are going to be put on display.

This type of cardboard also enables a sensory customisation, as the external layer can be enhanced with different finishes - glossy, matt, etc.

 

3) FOCUS ON ENVIRONMENTAL SUSTAINABILITY

Over the last few years, environmental sustainability has become a hot topic, shared by people and companies alike. By choosing a cardboard package for your products, you are already making a statement, which customers appreciate very much.

The green aspect can also be emphasized in the secondary package, using cartons made of recycled material or opting for raw paper, without finishes and colour prints, favouring instead the reuse of raw materials.

For some time now, carton makers have also been testing special papers which reproduce the rough texture, while featuring the quality and aesthetics of white cardboard.

 

4) MAKE AN INFORMED CHOICE!

Wrap around or American box? Open tray or box with lid? Single wall or thicker cardboard? Rough texture or refined finish?

The answer to all these questions is... it depends. Actually, in order to answer, we also need to ask ourselves:

  • What type of primary packaging is it?
  • What about its carrying capacity?
  • Is it heavy?
  • What shape is it?
  • What are our marketing goals?
  • What is our budget?
  • How long will the packaging's journey be?
  • Will it be displayed on shelf?
  • Do customers buy the single product or the whole pack? And so on...

 Considering the many factors at play, the best thing to do is read tip no. 5.

 

5) ASK THE EXPERTS

Granted, we may not be fully unbiased here, but experience in packaging can really make the difference! In order to choose the ideal packaging carton and to consider many other aspects.

 

To create, for instance, a highly efficient design. When planning our die cut cartons, our goal is to guarantee the best aesthetic results and maximise the efficiency of the packaging, as well as the sealing performance of the structural panels.

To stack pallets properly. We provide recommendations on how to group packages in the box, identifying shape, dimension and specific features, ensuring maximum safety while saving costs.

To get to know the different products available on the market. As producers of automated solutions for end-of-line packaging, we constantly test packaging cartons available on the market, we check manufacture, technical qualities and printing processes. We can therefore help you choose better products.

To save time, money and hassle; and, finally, to gain a much better understanding of the choice of packaging cartons for your products.

 

Would you like to find out more?

Contattataci per una consulenza personalizzata!

Other news

  • Recentemente abbiamo realizzato per Kerakoll una wrap-around per sacchetti da 2 e 5 kg contenenti polveri per l'edilizia.

    Un formato insolito per il settore perché destinato a un mercato specifico: quello degli hobbisti e dei privati che vogliono effettuare piccoli lavori di manutenzione della casa.

  • L'esperienza nella progettazione di sistemi di movimentazione su nastri e automazioni ci ha insegnato che il punto di partenza migliore è sempre l'ascolto delle esigenze dei clienti.

    È prassi di Artema Pack offrire una consulenza a 360°, guidando il cliente verso la scelta della migliore soluzione.

  • Non si tratta solo di spostare un prodotto o contenitore da un punto A verso un punto B.
    L'obiettivo è progettare un impianto di movimentazione al suo massimo potenziale, in funzione dei prodotti, degli spazi, dei ritmi di produzione e di esigenze reali e complesse - che possono riguardare grandi e piccoli produttori.

  • Artema Pack, in sinergia con il gruppo Galdi, è stata coinvolta attivamente nella realizzazione dell'impianto di confezionamento per Oranfrizer Juice.

  • In questo articolo vogliamo identificare i fattori che possono concorrere ad anticipare o evitare i fermi macchina causati dalle macchine inscatolatrici.
    Allo stesso tempo, cercheremo di evidenziare quanto lo stesso confezionamento di fine linea possa essere parte attiva nel ridurre o evitare gli stop di produzione della linea.

  • Nella progettazione di un impianto di confezionamento, nulla deve essere lasciato al caso e tutto può essere ottimizzato! Scopri come!

  • L'incartonatrice wrap-around multiformato è la soluzione per chi pensa "in lungo"! Poniamo il caso che si acquisisca un nuovo cliente, che ci richieda un pack primario differente (in volume, sezione o dimensioni), in un formato di inscatolamento differente o in una tipologia di scatola diversa.

    La soluzione? Pensare in lungo, predisponendo la macchina già per altri tipi di inscatolamento.

  •  Con Artema Pack puoi contare su un unico referente per qualsiasi esigenza di confezionamento, a partire da una consulenza attenta e preparata!

  • Scegliere il Gable Top come packaging primario permette di trasmettere al prodotto i valori di questa particolare confezione, quali naturalità freschezza.

    Affinché queste qualità giungano integre dallo stabilimento ai canali di distribuzione, fino alle case dei consumatori finali, è necessario riporre la stessa cura nella scelta e nella “costruzione” del packaging secondario per cartoncini Gable Top.

    In questo articolo, condivideremo qualche spunto per scegliere la confezione e il tipo di confezionamento di fine linea più idoneo.

  • Come scegliere un applicatore di cannucce o cucchiaini? Cosa è importante valutare? Quali sono le features che non possono mancare?

    Scopriamolo in questo articolo.

     
  • Per chi già distribuisce i suoi prodotti con American Box, l'inscatolamento automatico per cartone americano è l'unica soluzione quando la produzione si fa seria! Per tutti gli altri è una scelta, e in questo articolo cercheremo di mostrare pro e contro di questa tipologia di confezionamento.

  • Una termofardellatrice, ovvero una macchina avvolgitrice in film termoretraibile, permette di avere un pack più economico rispetto ad altri tipi  di confezionamento di fine linea (wrap-around o cartone americano).        

    Ciononostante, contribuisce in maniera significativa alla gestione efficace dell’intera linea di processo.

    In questo articolo, analizzeremo le caratteristiche delle termofardellatrici automatiche e i vantaggi/svantaggi dell’imballo di prodotti alimentari con pellicola termoretraibile.

  • I produttori e confezionatori di prodotti alimentari investono molto nella scelta del packaging, spesso sottovalutando l’importanza della confezione con cui verranno distribuiti i prodotti, a livello di protezione come di immagine.

    Tra i sistemi di confezionamento di fine linea, l’inscatolamento con vassoi e scatole wrap-around è sicuramente tra i più diffusi.

    Ma come funziona e quali sono i criteri per scegliere una incartonatrice wrap-around?

    Proviamo a rispondere a queste domande analizzando gli aspetti primari di questo tipo di imballaggio.