27 Marzo 2020

Prevenire i fermi macchina del confezionamento di fine linea

Body: 

To what extent can a case packer contribute to avoiding production stops caused by an anomaly or an overload in upstream machinery?
Let's try to answer this question, trying to identify the causes leading to downtimes, but, most importantly, the factors that can contribute to preventing or avoiding them.

 

CASE PACKER BUILD QUALITIES

Let's begin by saying that downtimes caused by end-of-line packaging machines are rare. This is mainly because these machines are robust and "less" complex than a bottling or a food filling machine.

Furthermore, downstream machines are usually oversized, in order to handle overloads and ensure production continuity.

To guarantee maximum line efficiency, case packers must come with high standards in terms of:

Hardware – both with regard to design and selection of best brand components

Software – Touch screen and pre-installed sensors programmes have to be stable and well structured.

Artema Pack also strongly believes in customising performance, meaning that both the machine and the software must allow for a "tailored" configuration, according to the processes and specific features of the production line.

 

THE ROLE OF MAINTENANCE

Artema Pack machines are built to be "tanks": indestructible, unstoppable and always ready to fight.

Actually, we have been trying to further reduce maintenance services by introducing, for example, automatic chain lubrication.

Nevertheless, standard maintenance must be carried out regularly, in order to ensure the case packer's proper functioning and performance over time.

As per user manual, the following operations must be carried out on a regular basis:

  • Cleaning – die cut cartons release dust and residues that could damage machine efficiency over time
  • Components check – periodically checking suction cups and mechanical parts for indications of wear.
 

PROPER STORAGE OF BLANK SHEETS

Faulty die cut cartons - though rare - cannot be foreseen; therefore, an accurate visual inspection must occur before magazine loading.

In order to prevent downtimes due to carton jamming, blanks must be stored and handled correctly:

  • Die cut carton boxes in the magazine shouldn't be too heavy
  • Cartons must never come into contact with humidity
  • (even slightly) damaged sheets must be discarded

 

THE IMPORTANCE OF TRAINING

The goal of our post-installation training is to enable operators to handle daily operations and the standard maintenance of end-of-line packers autonomously.

In particular, Artema Pack tries to convey a working method for the whole packaging process.

User and maintenance manuals, which have been made clearer and more detailed over time, provide further help.

 

CASE PACKER CONTROL SOFTWARE

The software installed on the case packer plays a key role in machine communication and, consequently, in predicting any problems.

Signal exchange and alerts with upstream machine - bagging machine / bottling machine, case packer - need to be selected and programmed with a well thought-out logic, to enable operators to predict anomalies and carry out appropriate operations in a timely manner.

Factors positively impacting on such a result are:

  • Experience in packaging processes
  • Cooperation with suppliers of other line machines
  • Software design quality.
 

CONVEYOR BELT SYSTEM

It may seem secondary, but production downtimes can also be prevented with an adequate planning of conveyor belt systems in the packaging plant.

Take the case of a carton jammed in the case packer.

Through careful planning of the belts' length and an adequate set-up of the alert system, operators have enough time to take action before production stops.

Once again, experience in end-of-life packaging plays a decisive role, just like being able to rely on a single contact person to design a packaging plant.

 
Contattaci per Maggiori Informazioni: Clicca Qui per Spedirci una Email

Other news

  • Recentemente abbiamo realizzato per Kerakoll una wrap-around per sacchetti da 2 e 5 kg contenenti polveri per l'edilizia.

    Un formato insolito per il settore perché destinato a un mercato specifico: quello degli hobbisti e dei privati che vogliono effettuare piccoli lavori di manutenzione della casa.

  • L'esperienza nella progettazione di sistemi di movimentazione su nastri e automazioni ci ha insegnato che il punto di partenza migliore è sempre l'ascolto delle esigenze dei clienti.

    È prassi di Artema Pack offrire una consulenza a 360°, guidando il cliente verso la scelta della migliore soluzione.

  • Non si tratta solo di spostare un prodotto o contenitore da un punto A verso un punto B.
    L'obiettivo è progettare un impianto di movimentazione al suo massimo potenziale, in funzione dei prodotti, degli spazi, dei ritmi di produzione e di esigenze reali e complesse - che possono riguardare grandi e piccoli produttori.

  • Artema Pack, in sinergia con il gruppo Galdi, è stata coinvolta attivamente nella realizzazione dell'impianto di confezionamento per Oranfrizer Juice.

  • Nella progettazione di un impianto di confezionamento, nulla deve essere lasciato al caso e tutto può essere ottimizzato! Scopri come!

  • L'incartonatrice wrap-around multiformato è la soluzione per chi pensa "in lungo"! Poniamo il caso che si acquisisca un nuovo cliente, che ci richieda un pack primario differente (in volume, sezione o dimensioni), in un formato di inscatolamento differente o in una tipologia di scatola diversa.

    La soluzione? Pensare in lungo, predisponendo la macchina già per altri tipi di inscatolamento.

  • Con questo articolo, vogliamo condividere 5 consigli per la scelta del cartone da imballaggio destinato al confezionamento di prodotti alimentari industriali.

  •  Con Artema Pack puoi contare su un unico referente per qualsiasi esigenza di confezionamento, a partire da una consulenza attenta e preparata!

  • Scegliere il Gable Top come packaging primario permette di trasmettere al prodotto i valori di questa particolare confezione, quali naturalità freschezza.

    Affinché queste qualità giungano integre dallo stabilimento ai canali di distribuzione, fino alle case dei consumatori finali, è necessario riporre la stessa cura nella scelta e nella “costruzione” del packaging secondario per cartoncini Gable Top.

    In questo articolo, condivideremo qualche spunto per scegliere la confezione e il tipo di confezionamento di fine linea più idoneo.

  • Come scegliere un applicatore di cannucce o cucchiaini? Cosa è importante valutare? Quali sono le features che non possono mancare?

    Scopriamolo in questo articolo.

     
  • Per chi già distribuisce i suoi prodotti con American Box, l'inscatolamento automatico per cartone americano è l'unica soluzione quando la produzione si fa seria! Per tutti gli altri è una scelta, e in questo articolo cercheremo di mostrare pro e contro di questa tipologia di confezionamento.

  • Una termofardellatrice, ovvero una macchina avvolgitrice in film termoretraibile, permette di avere un pack più economico rispetto ad altri tipi  di confezionamento di fine linea (wrap-around o cartone americano).        

    Ciononostante, contribuisce in maniera significativa alla gestione efficace dell’intera linea di processo.

    In questo articolo, analizzeremo le caratteristiche delle termofardellatrici automatiche e i vantaggi/svantaggi dell’imballo di prodotti alimentari con pellicola termoretraibile.

  • I produttori e confezionatori di prodotti alimentari investono molto nella scelta del packaging, spesso sottovalutando l’importanza della confezione con cui verranno distribuiti i prodotti, a livello di protezione come di immagine.

    Tra i sistemi di confezionamento di fine linea, l’inscatolamento con vassoi e scatole wrap-around è sicuramente tra i più diffusi.

    Ma come funziona e quali sono i criteri per scegliere una incartonatrice wrap-around?

    Proviamo a rispondere a queste domande analizzando gli aspetti primari di questo tipo di imballaggio.