04 Giugno 2020

Scegliere un Sistema di Trasporto su Nastri Efficiente

Body: 

In un impianto di confezionamento, un sistema di trasporto su nastri efficiente – sia per imballaggi primari o secondari – ha un peso importante a livello di funzionalità come di efficienza.

Non si tratta solo di spostare un prodotto o contenitore da un punto A verso un punto B.
L'obiettivo è progettare un impianto di movimentazione al suo massimo potenziale, in funzione dei prodotti, degli spazi, dei ritmi di produzione e di esigenze reali e complesse - che possono riguardare grandi e piccoli produttori.

In termini di affidabilità ed efficienza, le caratteristiche “base” di un sistema di trasporto per packaging sono:

  • Utilizzo di acciaio Inox
  • Componentistica di qualità

  • Software di gestione e integrazione ben progettato

In questo articolo, proveremo a evidenziare quali altre qualità deve possedere un sistema di trasporto su nastri per essere considerato efficiente e per garantire un valore aggiunto nel processo di confezionamento e produzione.

 

TRASPORTO SU NASTRI: MOVIMENTAZIONE E AUTOMAZIONE

In un impianto completo, la movimentazione si sviluppa su singoli tratti, ognuno con caratteristiche specifiche:

 

NASTRI DA RIEMPITRICE A INSCATOLATRICE

L'efficienza di un sistema di trasporto su nastri verso il fine linea dipende principalmente da due fattori: lo scambio di segnali con la macchina a monte e la metratura del nastro.

È quindi di fondamentale importanza il lavoro di regolazione e impostazione dei software delle macchine, in sinergia con la definizione della lunghezza dei nastri.

Una corretta valutazione di questi elementi permetterà alla linea di gestire accumuli o imprevisti e alla produzione di proseguire senza fermi o rallentamenti.

 

DA INSCATOLATRICE A ISOLA DI PALLETTIZZAZIONE

In un articolo dedicato alla progettazione del layout produttivo abbiamo già raccontato di quanto ogni progetto debba tener conto simultaneamente di diverse esigenze:

  • Flussi di lavoro

  • Processi di movimentazioni merci/personale

  • Normative di sicurezza per il singolo paese

  • Condizioni particolari: spazi ridotti, limitazioni in quota, passaggio tra stanze

Naturalmente, le competenze in materia di progettazione avranno un peso maggiore per impianti complessi. Anche per i piccoli produttori, però, un sistema di trasporto su nastri efficiente può influire in maniera significativa sulla funzionalità ed efficienza degli spazi.

AUTOMAZIONI

Oltre al sistema di movimentazione su nastri, la progettazione delle automazioni integrate gioca un ruolo fondamentale nel garantire l’efficienza della linea di produzione ed eseguire operazioni particolari:

  • Sistema di accumulo/smistamento degli imballaggi

  • Sistema di orientamento dei packaging: necessario per le confezioni non autoportanti come i sacchetti con prodotti in polvere, va progettato per: gestire in modo efficace la posizione di arrivo casuale delle confezioni, sollevare, ricompattare e preparare i pack per la ricezione dell'inscatolatrice, preservandone l'integrità

  • Verifica del peso

  • Metal detector/raggi x per controllare la presenza di elementi estranei

  • Sistemi di marcatura ed etichettatura

  • Sistemi ottici di verifica dell'avvenuta stampa del codice a barre e della conformità dell'etichetta

  • Sistema di smistamento per pallettizzazione

Avere un unico referente per la realizzazione dell'impianto di movimentazione è un innegabile vantaggio sia in termini di efficienza che di tempo investito nella ricerca dei fornitori.

Il know how progettuale si rivela fondamentale anche per l'inserimento di singole automazioni, in sostituzione di operazioni manuali o semi automatiche anche complesse.

 

Come abbiamo visto in questo articolo, il miglior sistema di trasporto su nastri è progettato a misura di esigenze e della realtà produttiva.
L’esperienza, la capacità di ascolto e di ottimizzazione saranno quindi i valori su cui puntare nella scelta del fornitore.

Contattaci per Maggiori Informazioni: Clicca Qui per Spedirci una Email

Altre news

  • Recentemente abbiamo realizzato per Kerakoll una wrap-around per sacchetti da 2 e 5 kg contenenti polveri per l'edilizia.

    Un formato insolito per il settore perché destinato a un mercato specifico: quello degli hobbisti e dei privati che vogliono effettuare piccoli lavori di manutenzione della casa.

  • L'esperienza nella progettazione di sistemi di movimentazione su nastri e automazioni ci ha insegnato che il punto di partenza migliore è sempre l'ascolto delle esigenze dei clienti.

    È prassi di Artema Pack offrire una consulenza a 360°, guidando il cliente verso la scelta della migliore soluzione.

  • Artema Pack, in sinergia con il gruppo Galdi, è stata coinvolta attivamente nella realizzazione dell'impianto di confezionamento per Oranfrizer Juice.

  • In questo articolo vogliamo identificare i fattori che possono concorrere ad anticipare o evitare i fermi macchina causati dalle macchine inscatolatrici.
    Allo stesso tempo, cercheremo di evidenziare quanto lo stesso confezionamento di fine linea possa essere parte attiva nel ridurre o evitare gli stop di produzione della linea.

  • Nella progettazione di un impianto di confezionamento, nulla deve essere lasciato al caso e tutto può essere ottimizzato! Scopri come!

  • L'incartonatrice wrap-around multiformato è la soluzione per chi pensa "in lungo"! Poniamo il caso che si acquisisca un nuovo cliente, che ci richieda un pack primario differente (in volume, sezione o dimensioni), in un formato di inscatolamento differente o in una tipologia di scatola diversa.

    La soluzione? Pensare in lungo, predisponendo la macchina già per altri tipi di inscatolamento.

  • Con questo articolo, vogliamo condividere 5 consigli per la scelta del cartone da imballaggio destinato al confezionamento di prodotti alimentari industriali.

  •  Con Artema Pack puoi contare su un unico referente per qualsiasi esigenza di confezionamento, a partire da una consulenza attenta e preparata!

  • Scegliere il Gable Top come packaging primario permette di trasmettere al prodotto i valori di questa particolare confezione, quali naturalità freschezza.

    Affinché queste qualità giungano integre dallo stabilimento ai canali di distribuzione, fino alle case dei consumatori finali, è necessario riporre la stessa cura nella scelta e nella “costruzione” del packaging secondario per cartoncini Gable Top.

    In questo articolo, condivideremo qualche spunto per scegliere la confezione e il tipo di confezionamento di fine linea più idoneo.

  • Come scegliere un applicatore di cannucce o cucchiaini? Cosa è importante valutare? Quali sono le features che non possono mancare?

    Scopriamolo in questo articolo.

     
  • Per chi già distribuisce i suoi prodotti con American Box, l'inscatolamento automatico per cartone americano è l'unica soluzione quando la produzione si fa seria! Per tutti gli altri è una scelta, e in questo articolo cercheremo di mostrare pro e contro di questa tipologia di confezionamento.

  • Una termofardellatrice, ovvero una macchina avvolgitrice in film termoretraibile, permette di avere un pack più economico rispetto ad altri tipi  di confezionamento di fine linea (wrap-around o cartone americano).        

    Ciononostante, contribuisce in maniera significativa alla gestione efficace dell’intera linea di processo.

    In questo articolo, analizzeremo le caratteristiche delle termofardellatrici automatiche e i vantaggi/svantaggi dell’imballo di prodotti alimentari con pellicola termoretraibile.

  • I produttori e confezionatori di prodotti alimentari investono molto nella scelta del packaging, spesso sottovalutando l’importanza della confezione con cui verranno distribuiti i prodotti, a livello di protezione come di immagine.

    Tra i sistemi di confezionamento di fine linea, l’inscatolamento con vassoi e scatole wrap-around è sicuramente tra i più diffusi.

    Ma come funziona e quali sono i criteri per scegliere una incartonatrice wrap-around?

    Proviamo a rispondere a queste domande analizzando gli aspetti primari di questo tipo di imballaggio.